Ti regalo una carezza: massaggio infantile AIMI

Nel patrimonio culturale di molti Paesi, il massaggio del bambino costituisce una tradizione antica, tramandata di madre in figlia.
Negli ultimi anni, grazie agli studi sempre più numerosi sulla comunicazione tattile e sulla relazione tra genitore e bambino, il massaggio infantile è stato riscoperto in tutta la sua importanza.

L’evidenza clinica e recenti ricerche hanno, infatti, dimostrato che il massaggio comporta numerosi effetti benefici sullo sviluppo e sulla maturazione del piccolo.
Un articolo riguardante uno studio effettuato in Italia sul massaggio infantile, afferma infatti che “ Dieci minuti di massaggio e il bambino cresce meglio”; l’autore dell’articolo è il giornalista scientifico Alex Saragosa, la rivista è il Venerdì di Repubblica, con data 29/05/2009.

Grazie ad un contatto più profondo, dunque, è possibile proteggere e stimolare la crescita e lo sviluppo del proprio bambino.
La scoperta e la diffusione del massaggio infantile in Occidente si deve alla passione e all’entusiasmo di una donna statunitense, Vimala McClure , che ha appreso le modalità di questa tecnica durante un periodo di lavoro in un orfanotrofio in India.
In Italia, fra le associazioni che se ne occupano, c’è l’AIMI, l’Associazione Italiana Massaggio Infantile, fondata a Genova nel 1989, che fa parte dell’International Association Infant Massage (IAIM), l’organizzazione creata da Vimala nel 1976, che
riunisce varie associazioni nazionali presenti in diversi Stati del mondo.

Il massaggio AIMI deriva dal massaggio tradizionale indiano, ma riprende anche le sequenze del massaggio svedese, elaborate da Per Henric Ling (1800), oltre allo yoga e ad elementi della riflessologia plantare.
Come anticipato inizialmente, l’esperienza del massaggio neonatale pemette di godere di molteplici benefici:

  • favorisce il legame di attaccamento e rafforza la relazione genitore-bambino, poiché costituisce un’esperienza di profondo contatto affettivo
  • favorisce uno stato di benessere e di rilassamento nel bambino e nel genitore
  • fa sentire il bambino contenuto, sostenuto ed amato
  • promuove una maggiore comprensione e un ascolto più profondo dei bisogni del bambino
  • sostiene nell’arte di essere genitori
  • promuove nel bambino la conoscenza delle varie parti del corpo, aiutandolo ad
    acquisire consapevolezza corporea e un’equilibrata immagine di sé
  • aiuta il bambino a scaricare e dare sollievo alle tensioni provocate da situazioni nuove, stress o
    piccoli malesseri
  • stimola, fortifica e regolarizza il sistema circolatorio, respiratorio, muscolare, immunitario e
    gastro-intestinale
  • previene e dà sollievo al disagio delle coliche gassose
  • è un buon sostegno nei disturbi del ritmo sonno-veglia

L’AIMI organizza periodicamente corsi di massaggio infantile, rivolti a genitori di bambini da 0 a 12 mesi circa di età, che si svolgono in strutture pubbliche o private, come asili nido, consultori, ospedali e case private.
I genitori, a seconda delle esigenze, possono scegliere tra due diverse tipologie di corso:

  •  Individuale a domicilio
  • In piccoli gruppi di genitori e bambini (massimo 6 nuclei famigliari)
  • I corsi sono articolati in 5 incontri, della durata di circa novanta minuti, che offrono ai genitori:
    apprendimento pratico della sequenza completa dei massaggi
  •  apprendimento di modalità che possono dare sollievo al bambino che soffre di stipsi, meteorismo, coliche addominali e pianto
  •  lavoro sul rilassamento del bambino
  •  apprendimento dei benefici del massaggio per il neonato e per il bambino più grande
  •  momenti di riflessione sul rafforzo del legame genitore-bambino
  •  esperienze di comunicazione non verbale stimolate dal massaggio: sorriso, contatto visivo, contatto attraverso la pelle
  • adattamenti del massaggio per il bambino più grande

L’obiettivo principale dei corsi di massaggio infantile è quello di promuovere e sostenere il contatto e la comunicazione profonda, aiutando il genitore ad ascoltare e comprendere meglio il linguaggio del proprio piccolo.
In conclusione, il corso costituisce per il genitore un’occasione preziosa per scoprire e imparare ad ascoltare i segnali del proprio bambino, così da accoglierne i bisogni in modo attento e rispettoso.
Inoltre è uno spazio di incontro, in cui i genitori hanno l’opportunità di confrontarsi e condividere la propria esperienza, superando insieme le difficoltà incontrate nei primi mesi dopo la nascita.

Dr.ssa Ostetrica Giada Alberti, insegnante di massaggio AIMI nella provincia di Brescia.

Foto di Sara Santarelli

Giada Alberti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *